Nel linguaggio filosofico, originariamente indicava un generale rapporto di opposizione fra due concetti. Aristotele per primo ne teorizzò i vari aspetti. Da Kant in poi, antitesi significa il termine negativo dell’opposizione stessa. Precisamente, per Kant, l’antitesi è la proposizione che, in un’antinomia, contraddice la tesi. Nella dialettica hegeliana, l’antitesi, generatasi in seno alla tesi, si risolve con essa nella sintesi, conciliatrice e insieme superatrice, nella propria concretezza, di quei due momenti astratti.

L’Antitesi

Lat. antithåsis, gr. ἀντίϑεσις «contrapposizione».
Originariamente indicava un generale rapporto di opposizione fra due concetti. Aristotele per primo ne teorizzò i vari aspetti, distinguendo quattro modi di essere in rapporto di antitesi: relazione, contrarietà, steresi e contraddizione, formata dall’affermazione e dalla negazione. Da Kant in poi antitesi non significa più il rapporto di opposizione, ma il termine negativo dell’opposizione stessa: per Kant l’antitesi è la proposizione che, in un’antinomia, ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi