Nella storia della filosofia il bisogno è trattato principalmente sotto due punti di vista: morale, con riferimento all’atteggiamento da assumere nei confronti dei bisogno, se limitarli o incoraggiarli (in questo senso il problema della ‘disciplina’ dei bisogno si confonde con quello della virtù); antropologico, come segno o elemento della condizione umana. In questo secondo aspetto già Platone riconobbe nel bisogno un tratto caratteristico dell’amore come privazione e pose nel bisogno la ragione dell’aggregarsi degli uomini in società. In Aristotele la nozione di bisogno si riferisce non tanto alle esigenze dell’origine, quanto a quelle della vita sociale già costituita, finalizzata al ‘viver bene’.

Premessa al concetto di bisogno

Il concetto di bisogno ricorre frequentemente nella psicologia contemporanea, ma la sua definizione è tutt’altro che univoca e varia da autore ad autore. In linea di massima, il concetto è legato a quello di omeostasi: in altre parole, le teorie psicologiche che concepiscono il comportamento in termini di tendenza all’equilibrio vedono il bisogno come una condizione di allontanamento o di carenza, che spinge l’organismo ad agire per riottenere la ⋯

Concetto di bisogno

Il problema della soddisfazione dei bisogni e della ricerca dei mezzi più idonei a tal fine ha rappresentato lo scopo ‘naturale’ dell’economia politica fin dal suo costituirsi come disciplina scientifica autonoma nella seconda metà del Settecento. Parecchie, e talvolta profondamente diverse, sono state le risposte che le varie scuole di pensiero economico hanno dato alla domanda: quali sono i bisogni da soddisfare e quali le modalità per soddisfarli? All’origine ⋯

Introduzione al concetto di bisogno

Il problema della soddisfazione dei bisogni e della ricerca dei mezzi più idonei a tal fine ha rappresentato lo scopo ‘naturale’ dell’economia politica fin dal suo costituirsi come disciplina scientifica autonoma nella seconda metà del Settecento. Parecchie, e talvolta profondamente diverse, sono state le risposte che le varie scuole di pensiero economico hanno dato alla domanda: quali sono i bisogni da soddisfare e quali le modalità per soddisfarli? All’origine ⋯

Preoccupazione del vivere

Nella filosofia post-aristotelica non si riscontra uno specifico interesse verso questo problema e la classificazione che Epicuro dà dei bisogno, distinguendoli in naturali e necessari, naturali non necessari, non naturali e non necessari, è piuttosto in funzione della problematica relativa ai piaceri. Nella filosofia cristiana e medievale il bisogno è inteso come un segno della perdita della beatitudine eterna seguita al peccato. Nel Rinascimento si affermò una valutazione positiva ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi