In senso ampio, tutto ciò che arreca danno turbando comunque la moralità o il benessere fisico ed è perciò temuto, evitato, oggetto di riprovazione, di condanna o di pietà, di compassione ecc.

La nozione del male

Nozione complementare a quella di bene che, al pari di questa, nella storia della filosofia è stata interpretata sia in senso oggettivo, sia in senso soggettivo. Nella concezione oggettiva o metafisica, il male è inteso come uno dei poli di una dualità interna all’essere, diviso tra i due principi antagonistici del bene e del male, oppure come esatta antitesi dell’essere, e identificato quindi con il non essere stesso. Nell’interpretazione ⋯

Il problema filosofico del male

Il problema filosofico del male è dibattuto attraverso tutta la storia del pensiero. Di fatto, mentre l’asserzione del valore implica di necessità anche quella del disvalore, la concezione della totale razionalità del mondo sembra rendere inconcepibile l’esistenza del male. La soluzione del problema del male coincide quindi con la soluzione del problema etico ( etica), sia che esso venga considerato come dipendente da quello metafisico dell’assoluta essenza della realtà ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi