Proprietà che caratterizza una persona, un animale o qualsiasi essere, una cosa ecc., come specifico modo di essere, soprattutto in relazione a particolari aspetti o condizioni, attività, funzioni e utilizzazioni.

In filosofia, il concetto di qualità assume valori diversi nelle varie correnti di pensiero e nei vari pensatori, fino a perdere rilievo nelle correnti contemporanee.

Il concetto di qualità

Dal lat. qualitas, der. di qualis «quale» secondo il modello del gr. ποιότης «qualità» da ποῖος «quale» (il calco è dovuto a Cicerone). In generale, il termine filosofico designa qualsiasi aspetto formale, e concretamente determinato, di una data realtà. Questo suo aspetto formale, d’altronde, fa sì che alla determinazione qualitativa astrattamente presa rimanga obiettivamente estraneo il carattere di esistenza o di inesistenza oggettiva della realtà a cui la determinazione ⋯

La Qualità

La prima esplicita definizione della nozione di qualità risale ad Aristotele, che distingueva due significati del termine. Nel primo significato la qualità è la caratteristica che distingue una sostanza all’interno di un genere (per es., l’essere bipede è la qualità dell’uomo in quanto animale, l’essere quadrupede lo è del cavallo); in questo senso la qualità corrisponde alla differenza specifica. Nell’altro significato la qualità è uno dei modi che può ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi