Dottrina che considera ogni uomo «cittadino del mondo», sostenendo l’irrilevanza delle appartenenze nazionali. Il termine risale a Diogene il Cinico, il quale, interpellato sulla sua provenienza, rispose di essere «cosmopolita» (da κόσμος «mondo», e πολίτες «cittadino»).

L’età classica. Il c. si diffuse nella seconda metà del 5° sec. a.C., nel quadro della crisi delle poleis e del connesso svilupparsi di atteggiamenti individualistici. A farsene portatori furono quei sofisti, come Ippia e Antifonte, che contrapponevano la natura alla legge: gli uomini «appartengono a una stessa stirpe, a una stessa famiglia, a uno stesso Stato» non in virtù delle leggi, affermava Ippia, ma per natura (Platone, Repubblica, 337 c).

Soltanto con gli stoici, tuttavia, il c. ricevette un’articolata fondazione teorica. Partendo dall’assunto secondo cui esiste una ragione universale, della quale tutti gli uomini sono partecipi, gli stoici sostenevano l’eguaglianza e la comunanza di tutti gli esseri razionali: a fronte di ciò, le differenze sociali e politiche non erano che mere accidentalità. Queste tesi vennnero introdotte nel mondo romano da Panezio e si ritrovano, con qualche variazione, in Cicerone e Seneca, in Epitteto e Marco Aurelio. Accanto al fondamento naturale (di matrice sofistica) e a quello razionale (di derivazione stoica), il mondo classico elaborò altre fondazioni del c.: quella culturale (rintracciabile in Democrito, Platone e Senofonte), secondo la quale ogni sapiente è cittadino del mondo; e quella eudemonistico-utilitaria, secondo la quale «patria est ubicumque est bene» (Cicerone). In alcuni padri della Chiesa sono presenti argomentazioni cosmopolitiche (Tertulliano scrive che il mondo è «l’unica casa per tutti»), ma a partire dal 3° sec. il cristianesimo presenterà piuttosto il carattere dell’universalismo ecumenico.

La ripresa moderna. Con il tramonto del mondo antico il c. scompare per molti secoli dalla scena culturale europea. Esso conoscerà una nuova e importante fioritura soltanto con l’Illuminismo, anche se vi erano state alcune anticipazioni nel 16° sec. (Erasmo rifiutò la cittadinanza zurighese affermando di essere «civis totius mundi») e nel 17° sec. (grazie all’idea di una comune natura umana propria del giusnaturalismo).

Nel secolo dei Lumi ritorna sulla scena, anzitutto, il c. culturale: il filosofo, secondo Voltaire, «non è né francese né inglese né fiorentino: egli è di tutti i paesi». In secondo luogo, il c. illuministico si caratterizza per la polemica antipatriottica: al «buon patriota», che in quanto tale diviene «nemico del resto degli uomini», Voltaire contrappone il «cittadino dell’Universo», il quale non desidera che la sua patria diventi né più grande né più piccola, né più ricca né più povera. Infine, il c. illuministico proclama la ‘relatività della patria’: l’appartenenza a essa, infatti, non è determinata dalla nascita, ma dalla possibilità di riconoscervi il garante dei diritti e l’artefice della felicità dei cittadini. Di qui il diritto a cambiare patria (sostenuto da Holbach, d’Alembert, Diderot e Condorcet) allorché vengano meno tali condizioni.

Importante è infine la convergenza tra c., federalismo e pacifismo: per l’abate di Saint-Pierre il progetto di una pace internazionale si fonda sull’unione federale degli Stati europei e sulla fiducia nell’universalità della ragione che rende gli uomini ‘cittadini del mondo’.

Per Kant federalismo e c. sono due dei tre articoli fondamentali (il terzo è la costituzione repubblicana) necessari alla realizzazione della pace perpetua: il «diritto cosmopolitico» (che in realtà consiste soltanto nel diritto di ciascun uomo a recarsi in paesi stranieri per praticarvi i propri commerci) estende la conoscenza reciproca delle nazioni e prelude all’instaurazione di legami federativi.

Nel 19° sec., con il radicamento del principio di nazionalità nella coscienza dei popoli, il c. entra in una fase di declino.

Quanto all’internazionalismo marxista, esso è concettualmente distinto dal c., come dimostra il fatto che in quest’ultimo i marxisti vedranno l’espressione ideologica degli interessi di classe della nascente borghesia.

Similari
Vita e opere di Montesquieu
3% Montesquieu, Charles-Louis
Studiò presso gli oratoriani e si laureò in giurisprudenza a Bordeaux. Consigliere del parlamento di Bordeaux, nel 1716, dopo la morte di uno zio da cui ereditò la carica e la baronia di Montesquieu, ne divenne presidente.…
I sofisti
3% Sofistica
Il valore del termine si precisa fra la metà del 5° e la fine del 4° sec. a.C., in funzione del significato culturale e sociale che assumono in quell’età, specialmente nel mondo attico, i personaggi contraddistinti con tal…
La nozione di dovere
3% Dovere
La nozione di dovere è stata elaborata originariamente dagli stoici, che intesero con essa ogni comportamento, dell’uomo come di altri esseri viventi, assunto in conformità al dettato della ragione, principio divino dell’o…
L’individuo umano
2% Individuo
La coscienza del singolo di essere solo un esemplare concreto della specie umana e la consapevolezza del fatto che ogni altro individuo è anch’egli un essere umano dotato di una coscienza analoga sono riscontrabili nel bam…
Il Neocomunitarismo
2% Neocomunitarismo
Corrente della filosofia morale e politica sviluppatasi prevalentemente nel mondo anglo-americano a partire dalla fine degli anni Settanta del Novecento. Sono considerati suoi principali esponenti lo scozzese MacIntyre , g…