Dottrina morale che pone come fine dell’azione umana il piaceredonismo Nella storia della filosofia è rappresentata soprattutto dalle dottrine di Aristippo di Cirene e di Epicuro. In generale, l’edonismo si contrappone a ogni teoria che veda nella volontà morale la tendenza a un fine (virtù, obbedienza disinteressata a una legge) nettamente distinto, o addirittura contrapposto (come nella più tipica negazione dell’edonismo, e cioè nel rigorismo kantiano), a quello della propria soddisfazione, intesa in senso sia strettamente egoistico, sia collettivo.
Più specificamente, l’edonismo si distingue dall’eudemonismo e dall’utilitarismo , in quanto, mentre l’eudemonismo pone come termine dell’azione una generica felicità, che può essere anche astensione dal godimento del piacere immediato, e l’utilitarismo pone il raggiungimento dell’utile (concetto assai più complesso di quello dell’immediato piacere e quindi anch’esso implicante la possibilità di una negazione del principio della pura soddisfazione attuale in funzione del calcolo dei piaceri futuri), l’edonismo propriamente detto considera l’azione nella sua attualità, e non sa giustificarla in altro modo se non in base alla percezione di un immediato valore positivo, nel senso più elementaredonismo

Schiettamente edonistica era la dottrina di Aristippo, fondatore della scuola dei cirenaici, per il quale l’azione si spiegava solo in funzione dell’attiva ed effettiva sensazione di piacere (ἡδονὴ ἐν κινήσει, voluptas in motu) che si generava momento per momento.

Anche per Epicuro «il piacere è il principio e il fine della vita beata» (Diogene Laerzio, X, 128), ma divergente è la sua determinazione del concetto di piacere, che non consiste, come per Aristippo, in una condizione positiva di godimento (come la gioia o l’allegria), bensì in una condizione negativa, di assenza del dolore (piacere catastematico), collegata all’atarassia.

Criticato lungo tutto l’arco della storia della filosofia, e in particolare da Kant, l’edonismo è stato rivalutato da alcuni autori contemporanei (P. Gorsen, J.C.B. Gosling, H. Marcuse) sulla base di teorie psicologiche che sottolineano la funzione positiva del piacere sullo sviluppo armonico della personalità.

Similari
Natura del piacere
11% Piacere
In senso assoluto (come trad. del gr. ἡδονή e del lat. voluptas), viene contrapposto a dolore e variamente considerato nelle diverse scuole filosofiche, in rapporto all’ideale supremo della vita. La considerazione filosofi…
L’Eudemonismo
9% Eudemonismo
Dal gr. εὐδαιμονισμός, da εὐδαιμονία «felicità», der. di εὐδαίμων «felice», comp. di εὖ «bene» e δαίμων «demone; sorte». Dottrina che considera naturale dell’uomo la felicità e assegna alla vita umana il compito di raggiun…
Il Piacere
9% Piacere
La considerazione filosofica della natura del piacere è oggetto di discussione vivacissima già nell’età socratica, in cui costituisce il tema fondamentale dell’antitesi fra etica cinica, che considera il piacere come il ma…
La Negazione in filosofia
5% Negazione
Nella logica classica tale termine denota un particolare connettivo vero funzionale a un argomento che inverte il valore di verità della formula a cui si applica: dunque se è applicato a una formula vera genera una formula…
Il giardino dei filosofi
5% Epicuro
Già in Samo, ancora ragazzo, poté ascoltare le lezioni del platonico Panfilo: ma gliene derivò soltanto l’avversione, non più abbandonata, per la filosofia platonica. Più tardi, a Teo, fu scolaro del democriteo Nausifane: …