La prima guerra mondiale determinò trasformazioni e crisi decisive in tutta l’Europa, che assunsero dimensioni e significati diversi a seconda dei paesi, ma che ebbero somiglianze e caratteri comuni e che investirono tutti i campi, quello economico come quello etico, quello sociale come quello politico. Le origini del fascismo sono connesse in modo inscindibile con le trasformazioni e le crisi che si verificarono in Italia. In sede storica, se si perde il punto di riferimento della prima guerra mondiale si perde anche la possibilità di comprendere veramente il fascismo e di cogliere le ragioni, il significato della sua affermazione. Con ciò non si vuol dire che nell’Italia prebellica, nel suo sviluppo economico-sociale, nella pratica politica, in certi atteggiamenti psicologici e culturali e persino in certe manifestazioni pratiche (già nel 1908, in occasione delle agitazioni nel parmense, e nel 1914, in occasione della ‘settimana rossa’, si ebbero casi di proteste per l’eassenteismo, dello Stato e persino di ‘autodifesa’ contro le violenze proletarie) non si possano scorgere ‘anticipazioni’ del fascismo; si vuole però sottolineare che a queste ‘anticipazioni’ non è assolutamente possibile dare quel valore di ‟semi fascisti destinati a germogliare nel dopoguerra” che qualcuno ha loro dato. Senza la guerra, infatti, nulla autorizza ad affermare che essi sarebbero germogliati e, anzi, molti elementi inducono a ritenere il contrario. Quanto poi alla guerra, più che mettere l’accento sul modo con cui fu realizzato l’intervento italiano o sulla psicosi bellica da essa determinata (che rispetto alle origini del fascismo furono componenti, in definitiva, secondarie), bisogna insistere soprattutto sulle sue conseguenze – interne e internazionali – a tutti i livelli, quali esse si manifestarono nell’immediato dopoguerra, determinando, accelerando o esasperando una serie di trasformazioni e di motivi di crisi, in un paese come l’Italia che, se, per un verso, aveva dato prova – proprio con la guerra – della vitalità del suo organismo politico-nazionale, per un altro verso aveva mostrato quanto tale organismo fosse rispondente ai valori etici, alle aspirazioni e agli interessi di una sola parte della società nazionale (quella che si può definire di estrazione risorgimentale), ma non corrispondesse a quelli di tutta un’altra parte di essa (quella non solo quantitativamente più importante, ma, ciò che più conta, che era stata mobilitata socialmente e politicamente dalla guerra) che lo considerava, sia pure con diverse motivazioni e prospettive non di rado tra loro antitetiche, arcaico, ingiusto e – almeno sotto il profilo della partecipazione al potere – antidemocratico.


Similari
Definizione del fascismo
14% Fascismo
A differenza di altri ismi contemporanei (ad esempio, liberalismo, socialismo, comunismo) il termine fascismo deriva da un sostantivo, ‘fascio’, il quale di per sé non possiede nessuna connotazione qualitativa. ‘Fascio’ si…
Origini del termine socialismo
9% Socialismo
Nonostante quella del socialismo sia una concezione assai antica (si parla infatti di socialismo anche con riferimento alla Repubblica di Platone), che specialmente nel Medioevo cristiano trova le sue prime concrete manife…
Il movimento anarchico
7% Anarchia
Il movimento anarchico, ebbe largo sviluppo non solo nella seconda metà del 19° sec., ma anche nei primi decenni del 20° (per es. in Spagna), e avversò qualsiasi forma di governo sia autoritario sia liberale. Numerosi furo…
La natura del fascismo
7% Fascismo
[nextpage title=”La natura del fascismo”] Per comprendere la natura del fascismo e il motivo della sua affermazione è necessario cercare di stabilire i vari aspetti della crisi italiana del dopoguerra e soprattutto in che …
Le origini del nazionalismo
6% Nazionalismo
Il concetto nacque con la Rivoluzione francese, in stretta connessione con le idee democratiche di J.-J. Rousseau, secondo il quale la sovranità spettava alla nazione nel suo complesso, concepita come un corpo unitario com…