Laureatosi a Berlino alla scuola di L. Goldschmidt passò poi, sotto l’influenza di Th. Mommsen, alla storia agraria romana. Chiamato nel 1894 alla cattedra di economia politica di Friburgo in Br., poi nel 1897 alla stessa cattedra di Heidelberg, si trovò a dover prendere posizione tra scuola storica di Berlino (che faceva capo a G. Schmoller) e scuola teoretica di Vienna (di cui era principale esponente C. Menger).

Nel 1903 assunse con E. Jaffé la direzione dell’Archiv für Sozialwissenschaft und Politik, nel quale comparvero i due celebri saggi Über die Objektivität sozialwissenschaftlicher und sozialpolitischer Erkenntnisse e Über die protestantische Ethik und den Geist des Kapitalismus, che inaugurarono la sua attività più originale e feconda.

Questi studi lo condussero a formulare una nuova metodologia della ricerca scientifica nelle scienze sociali (storia, economia e, soprattutto, sociologia), che pose in atto nel volume Wirtschaft und Gesellschaft (post., 1922).

Nel 1918 accettò la cattedra di sociologia a Vienna, ma la catastrofe lo fece tornare in patria. Compilò con H. Delbrück e altri la risposta del governo tedesco all’accusa di responsabilità per la guerra, collaborò alla redazione della costituzione di Weimar e fu tra i fondatori del Partito democratico tedesco. Nel 1919 fu chiamato alla cattedra di sociologia di Monaco.

Postume apparvero le raccolte dei suoi saggi di Religionssoziologie (1920-21), di Wissenschaftslehre (1922), di Soziologie und Sozialpolitik (1924) e di Sozial und Wirtschaftsgeschichte (1924).

I contributi principali di W. in campo sociologico sono rappresentati dall’indagine sui rapporti tra forme religiose e forme economiche, a partire dalla citata ricerca Über die protestantische Ethik und den Geist des Kapitalismus per finire allo studio comparato delle religioni orientali (taoismo, confucianesimo, induismo, buddismo, giudaismo), nell’intento di mostrare, contro le interpretazioni correnti di derivazione marxista (R. Stammler, W. Sombart), l’irriducibilità del comportamento sociale a cause puramente economiche.

Celebre la discussissima tesi che fa risalire la formazione dello “spirito” capitalistico (imprenditorialità razionale) all’influenza delle posizioni etiche calvinistiche che concepivano il lavoro come vocazione, ascesi intramondana.

Particolarmente importante l’impostazione data alla ricerca sociologica in Wirtschaft und Gesellschaft, dove al centro dell’analisi sono l’azione individuale provvista di senso (Sinn; onde la necessità di una Verstehende Soziologie o sociologia della comprensione), la definizione dell’azione nella sua dimensione individuale e sociale, le indagini sui processi di formazione dei gruppi sociali sulla base di interessi materiali (ricomprendendo in quest’ambito anche le classi sociali) e di affinità di credenze e valori, lo studio delle relazioni sociali basate sull’autorità (tipologia dell’autorità e delle forme di potere: carismatica, tradizionale, legale).

Nel campo metodologico W. ha formulato il concetto di “tipo ideale” (Idealtypus) come strumento della conoscenza storica: concetto-limite che deve servire a ordinare i dati empirici. In generale, sotto l’influenza di H. Rickert, W. ha mirato a dare rigore di metodo e precisione di concetti alla scienza.

Notevoli anche le sue Gesammelte politische Schriften (post., 1921), testimonianza della sua appassionata partecipazione alle vicende politiche della Germania tra conflitto mondiale e repubblica di Weimar.

Similari
La nozione di memoria
7% Memoria
In termini molto generali, la memoria può essere intesa come la capacità di un sistema qualsiasi (un robot, un organismo, un individuo, un gruppo, un’istituzione, un’intera società) di ricevere, conservare e recuperare inf…
Evoluzionismo sociale
6% Evoluzionismo
Uno dei più importanti concetti della storia delle scienze sociali è quello di evoluzione. Nel XIX secolo la sociologia e l’antropologia si erano dedicate prevalentemente allo studio dell’evoluzione delle società umane, da…
La vita e le opere di Hegel
6% Hegel, Georg Wilhelm Friedrich
Dopo aver compiuto gli studi ginnasiali nella sua città, entrò nel 1788 nello Stift di Tubinga, una sorta di seminario protestante, dove ebbe come condiscepoli Schelling e Hölderlin, con i quali strinse una viva amicizia e…
Mutamento socioculturale
6% Mutamento
La sociologia è nata come studio del mutamento sociale e culturale. L’approccio classico al mutamento sociale I fondatori della sociologia – Auguste Comte, Herbert Spencer, Karl Marx, Max Weber, Émile Durkheim – cercavano …
Vita e opere di Friedrich Engels
6% Engels, Friedrich
Figlio di un industriale, crebbe in ambiente familiare politicamente conservatore e di religione pietista, ma ben presto si mostrò ansioso di una vita più libera. A Brema, dove nel 1838 il padre lo mandò a fare il suo tiro…