L’attività pratica, in quanto si contrappone all’attività teoretica o speculativa. Questa netta distinzione è caratteristica della filosofia antica, e particolarmente di quella aristotelica, che attribuisce la ricerca della verità esclusivamente all’attività teoretica, e quindi alla filosofia. Il termine fu utilizzato nel 19° sec. dal marxismo, in cui per prassi s’intende l’attività umana trasformatrice del reale e produttrice di storia. Nato in seno alla sinistra hegeliana in diretta polemica con ⋯