Uno dei più importanti concetti della storia delle scienze sociali è quello di evoluzione. Nel XIX secolo la sociologia e l’antropologia si erano dedicate prevalentemente allo studio dell’evoluzione delle società umane, dalle forme più semplici e primitive fino a quelle contemporanee. Oggi l’evoluzione sociale è solo una delle molte questioni dibattute da sociologi e antropologi, ma ciò nondimeno essa resta un tema di importanza fondamentale. Forse, anzi, nessun altro concetto ha avuto maggior importanza in tutta la storia delle scienze sociali.
Che cos’è l’evoluzione sociale? Secondo molti evoluzionisti, per evoluzione sociale si intendono quei mutamenti sociali succedutisi seguendo una certa direzione o avvenuti secondo una sequenza lineare. È inoltre generalmente accettato che l’evoluzione sociale riguardi trasformazioni di natura qualitativa più che quantitativa. In altre parole, essa riguarda le trasformazioni verificatesi nel modello o nel tipo di società o di uno dei suoi sottosistemi, non la sua dimensione o diffusione.
Le teorie relative all’evoluzione sociale, delle quali ripercorreremo la storia nel prossimo capitolo, hanno mirato principalmente a identificare e a spiegare la direzione delle sequenze dei mutamenti sociali di natura qualitativa. Molti studiosi hanno sostenuto che le teorie evoluzionistiche presuppongono una sorta di sviluppo teleologico di possibilità latenti nella vita sociale; ma questo nella grande maggioranza dei casi non è vero. È stato anche sostenuto che le teorie evoluzionistiche postulano una rigida sequenza di stadi che tutte le società devono attraversare, mentre escludono la possibilità che si verifichino delle regressioni, come pure che la vita sociale possa subire dei lunghi periodi di stasi. Ma anche questo non è vero. Anzi, molto spesso tali teorie propongono delle tipologie flessibili che conferiscono alla storia un carattere in qualche modo aperto, e assumono che sia la continuità, sia il regresso siano importanti fattori sociali che, al pari dell’evoluzione, devono essere spiegati.

Similari
La natura dell’evoluzione sociale e le teorie a essa relative
216% Evoluzionismo
L’evoluzionismo nel XIX secolo Le teorie dell’evoluzione della società umana risalgono al XVIII secolo, ma è solo nella seconda metà del XIX che esse si …
Il Marxismo
172% Marxismo
Il marxismo nasce, negli scritti di Marx e di Engels degli anni quaranta dell’Ottocento, sotto forma di una scienza della società che intende fornire un’interpretaz…
Sociologia del mutamento sociale
139% Mutamento
La sociologia è nata come studio del mutamento sociale e culturale. L’approccio classico al mutamento sociale I fondatori della sociologia – Auguste Comte, Herbert Spencer, Karl Marx, Max We…
Il Darwinismo sociale delle società umane
94% Darwinismo sociale
Locuzione che apparve negli anni Ottanta dell’Ottocento per indicare l’applicazione dell’evoluzionismo allo studio delle società umane. La locuzione non acquistò mai, però, contenuti precisi, e ai primi del Novecento fu re…
La struttura psichica e l’esistenza sociale dell’uomo
94% Positivismo
Il rapporto con il processo di costituzione delle scienze sociali è essenziale, fin dall’inizio, al positivismo. Tanto il progetto di una scienza onnicomprensiva della s…