Dal lat. qualitas, der. di qualis «quale» secondo il modello del gr. ποιότης «qualità» da ποῖος «quale» (il calco è dovuto a Cicerone). In generale, il termine filosofico designa qualsiasi aspetto formale, e concretamente determinato, di una data realtà. Questo suo aspetto formale, d’altronde, fa sì che alla determinazione qualitativa astrattamente presa rimanga obiettivamente estraneo il carattere di esistenza o di inesistenza oggettiva della realtà a cui la determinazione stessa si riferisce. S’intende quindi come il concetto di qualità sia stato, fin dalle sue prime formulazioni, affiancato a quello di sostanza, a quest’ultimo essendo attribuita la nota fondamentale dell’esistenza oggettiva e all’altro restando invece precipuamente assegnata la determinazione degli aspetti formali: da ciò la posizione del concetto di qualità come suprema classe di tutti i concetti designanti comunque una inerenza a una sostanza o soggetto (attributi, proprietà, facoltà, ecc.).

La speculazione aristotelica e scolastica

La prima esplicita definizione della nozione di qualità risale ad Aristotele, che nel libro 5° della Metafisica distingueva due significati del termine: la qualità come «differenza della sostanza» e la qualità come «affezione». Nel primo significato la qualità è la caratteristica che distingue una sostanza all’interno di un genere (per es., l’essere bipede è la qualità dell’uomo in quanto animale, l’essere quadrupede lo è del cavallo); in questo senso la qualità corrisponde alla differenza specifica. Nell’altro significato la qualità è uno dei modi che può assumere, più o meno stabilmente, una sostanza e Aristotele poneva la qualità così intesa tra le categorie in una posizione subordinata rispetto alla sostanza, intendendo con essa la classe più generale entro cui rientrano tutti i predicati designanti ciò che inerisce in modo non essenziale o non necessario a una sostanza, ossia le caratteristiche accidentali in virtù delle quali una sostanza è simile, diversa o contraria rispetto a un’altra. È soprattutto questo secondo significato, definito da Aristotele nelle Categorie, che si sarebbe tramandato nella filosofia scolastica, insieme con la distinzione aristotelica della qualità in quattro gruppi: gli abiti e le disposizioni (habitus, dispositiones), i primi indicanti qualità più stabili delle seconde; le capacità o facoltà, in senso positivo o negativo (potentia, impotentia); le forme o figure (formae o figurae), ossia le determinazioni geometriche; le affezioni o passioni (passiones o patibiles qualitates), ossia le caratteristiche e le alterazioni sensibili della sostanza, che sono le qualità sensibili. Relativamente a quelli che chiamava sensibili (αἰσϑητά), corrispondenti alle qualità sensibili del Medioevo, Aristotele aveva inoltre distinto, nel De anima (trad. it. Sull’anima) (➔), le qualità proprie, oggetto di uno solo dei cinque sensi, e le qualità comuni, oggetto di più sensi. Anche questa ulteriore distinzione rimase pressoché invariata nella scolastica, la quale, nel suo periodo più tardo, introdusse l’ulteriore distinzione tra qualità sensibile o manifesta e qualità occulta, quest’ultima essendo concepita come un potere interno alle cose che non cade sotto i sensi ma si coglie soltanto attraverso i suoi effetti.

La filosofia moderna: la critica del nesso sostanza-qualità

La nozione di qualità occulta, che è in larga misura alla base delle ricerche magico-alchimistiche e naturalistiche del Rinascimento, doveva suscitare enormi polemiche nella nascente scienza seicentesca di orientamento meccanicistico, che vedeva nella fisica qualitativa di origine aristotelica (di cui quella nozione era una conseguenza) soltanto delle pseudospiegazioni. Nell’età moderna, inoltre, si assiste a una profonda trasformazione del concetto di qualità: a partire da una prospettiva empiristica tipica innanzitutto della scienza moderna (ma non va trascurato che qualità occulta fu talvolta polemicamente considerata la stessa attrazione newtoniana) lo schema aristotelico sostanza-q. viene sostituito da schemi interpretativi meccanicistici e matematici (cioè quantitativi) il cui esito è rappresentato dalla distinzione tra qualità primarie (oggettive, reali), ritenute proprie dell’oggetto e suscettibili di determinazione quantitativa (grandezza, figura, moto), e qualità secondarie, essenzialmente soggettive in quanto ritenute effetto delle qualità primarie sugli organi di senso (colori, odori, sapori, suoni). Questa distinzione era già implicita nell’atomismo greco ed è stata riaffermata in età moderna da Galileo, Hobbes, Gassendi, Boyle e Locke, al quale se ne deve soprattutto la diffusione. Il modo stesso in cui Locke aveva posto il problema, comunque, suscitò l’ulteriore questione se il processo di soggettivazione delle qualità dovesse arrestarsi alla sfera delle secondarie e non estendersi invece anche alle primarie. Tale estensione fu effettivamente operata da Berkeley e Hume, che, mostrando come le qualità primarie non siano in concreto mai percepibili se non attraverso la mediazione delle secondarie, ne conclusero che le stesse qualità primarie non sono che «idee» soggettive connesse alla percezione.

La qualità nelle scienze dell’Ottocento e Novecento

Il concetto di qualità sarebbe passato in secondo piano a causa dei trionfi della scienza moderna e dei suoi procedimenti quantitativi. Sul piano filosofico si ha una chiara idea dell’attrattiva suscitata dai metodi quantitativi della scienza moderna nel concetto kantiano di «quantità intensive», con cui Kant intendeva riferirsi alle sensazioni in quanto contrapposte alle «quantità estensive» spazio-temporali; essendo caratterizzate da un «grado», le sensazioni rientrerebbero anch’esse nel dominio dei fenomeni trattabili quantitativamente. Il problema della misurazione e, più in generale, della riduzione all’ambito matematico delle qualità sensoriali è stato peraltro al centro degli interessi della psicofisica sin dall’Ottocento, benché la differenza tra tipi di sensazioni (per es., il caldo e il freddo, il dolce e l’amaro), diversamente dalle variazioni di intensità all’interno di uno stesso tipo, abbia sempre rappresentato un argomento a favore della loro natura irriducibilmente qualitativa. Sempre maggiore importanza, inoltre, dovevano acquisire, tra il 19° sec. e il 20°, i metodi statistici in psicologia e nelle scienze sociali. D’altra parte, un ritorno alla considerazione qualitativa è stato spesso avvertito tanto nelle scienze umane (per es., in antropologia e in sociologia), dove gli approcci basati su metodi statistici non sempre sono ritenuti in grado di fornire adeguate spiegazioni delle specificità culturali; e nelle stesse scienze fisico-chimiche e biologiche, nelle quali, per quanto su un piano più speculativo che strettamente scientifico, la nozione di qualità si è riproposta attraverso il vecchio problema del rapporto tra le parti e il tutto, dove quest’ultimo venga considerato non completamente riducibile alla distribuzione delle parti e implicante pertanto la formazione di proprietà qualitativamente diverse rispetto agli aggregati.

    —  Dizionario di Filosofia (2009)

Similari
Percorso della filosofia
130% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …
Il concetto di sostanza
92% Sostanza
Nozione che viene determinandosi nella filosofia antica a partire da Aristotele, il quale la designa con il termine οὐσία, che indica la forma intesa in relazione all’individuo concretamente esistente. Tale concetto è svil…
Il marxismo teorico
61% Marxismo
Il materialismo dialettico Il marxismo teorico del XX secolo è prevalentemente, sebbene non esclusivamente, ‘materialismo dialettico’. È materialismo dialettico l’ideologia dei…
Il concetto di Natura
61% Natura
Come molte coppie di concetti oppositivi, anche la distinzione natura/cultura può dare a tutta prima l’impressione di un’innegabile ovvietà, correlata persino a un certo grado di osservabi…
La Qualità
55% Qualità
La prima esplicita definizione della nozione di qualità risale ad Aristotele, che distingueva due significati del termine. Nel primo significato la qualità è la caratteristica che distingue una sostanza all’interno di un g…