In diritto

Qualunque avvenimento che il diritto prende in considerazione e al quale ricollega particolari effetti. Nel suo significato giuridico il fatto non è l’evento naturale, individuabile e isolabile in un contesto naturalistico, ma l’evento che viene isolato e individuato dal diritto secondo criteri suoi propri. Solo la qualificazione giuridica, la determinazione normativa del fatto, conferisce al medesimo carattere unitario, secondo le finalità perseguite dal diritto positivo, carattere che può essere del tutto diverso da quello riconoscibile sul piano naturalistico: e allora il fatto giuridico è detto fattispecie , ed è il rapporto tra l’evento fisico e i particolari effetti connessi all’evento in forza della volontà della legge. Tale fenomeno comunemente si esprime dicendo che il fatto è la condizione degli effetti giuridici e che la norma è la causa. Questo procedimento di denaturalizzazione del fatto fisico costituisce la tipizzazione normativa con la conseguente organizzazione di fatto naturali, omogenei o ritenuti tali dal legislatore, in schemi astratti tipici, i quali vengono utilizzati come elementi delle proposizioni normative e termini di riferimento della corrispondente disciplina; così, il fatto dell’uccidere è tipizzato nella categoria giuridica dell’omicidio, e quando la legge intende reprimere l’evento umano consistente nella soppressione fisica dell’uomo da parte dell’uomo si riferisce all’omicidio. Alla tipizzazione normativa corrisponde la tipizzazione giudiziaria o sussuntiva, cioè quel processo di accertamento e di analisi compiuto dal giudice in ordine al fatto o ai fatto che hanno dato luogo alla controversia offerta al suo giudizio: anche in tal caso il fatto naturale, umano e sociale, dopo essere stato accertato e analizzato, viene tipizzato, cioè identificato con il fatto tipico assunto dalla norma come fatto previsto e regolato in astratto.

Descrittivamente, i fatto si distinguono in o involontari , rappresentati cioè da eventi naturali (nascita, morte, alluvione, terremoto, ecc.), e in o volontari , rappresentati cioè dalle varie manifestazioni dell’attività dell’uomo. Questi ultimi danno luogo alla fondamentale categoria degli atti giuridici , che si dicono leciti , se la norma che li prende in considerazione attua un regolamento conservativo, di garanzia e tutela, degli intenti e degli effetti pratici immanenti nell’atto; ovvero illeciti , se la norma predispone un regolamento repressivo, di rimozione e sanzione, degli intenti e degli effetti pratici avuti presenti dalle parti interessate.

In filosofia

Per ricostruire l’analisi della nozione di fatto nella storia del pensiero filosofico, si deve risalire al 17° sec., alla distinzione tra ‘verità di ragione’ e ‘verità di fatto’. T. Hobbes distingue due specie di conoscenza, la conoscenza di fatto e la conoscenza della conseguenza di un’affermazione dall’altra. La prima non è altro che senso e memoria ed è conoscenza assoluta; l’altra è chiamata scienza ed è condizionale. Come Hobbes, anche G. Leibniz e D. Hume individuano la sfera delle verità di fatto nell’esperienza. Le verità di fatto sono per Leibniz contingenti, quelle di ragione necessarie e il loro contrario è impossibile. Per Hume della verità di fatto è possibile sempre il contrario, poiché non implica mai contraddizione: essa è concepita dallo spirito con la stessa facilità e chiarezza che se fosse conforme alla realtà. La distinzione tra verità di fatto (contingenti) e verità di ragione (necessarie) rimane valida anche per I. Kant.

La nozione di fatto come dato oggettivo dell’esperienza, criterio di validità delle scienze sperimentali, caratterizza tanto il positivismo ottocentesco quanto le forme successive di empirismo, intrecciandosi spesso con la riflessione della filosofia della scienza sul ruolo dell’osservazione empirica nelle teorie scientifiche. Così, in una sostanziale ripresa della concezione di Hume, R. Carnap distinse tra proposizioni empiriche (o fattuali) e proposizioni analitiche (in cui sarebbero incluse anche le verità logiche). Le difficoltà interne a questa distinzione, poste originariamente in rilievo da W.V.O. Quine, e la storia successiva del neoempirismo condussero a una erosione della nozione di fatto come dato oggettivo indipendente da assunzioni teoriche e puro risultato dell’osservazione empirica. Già P. Duhem all’inizio del 20° sec. aveva osservato che il fatto è il risultato di un’interpretazione compiuta per il tramite degli strumenti e della terminologia propri di una teoria scientifica. Questa tesi, articolata soprattutto nella seconda metà del 20° sec. da filosofi quali N.R. Hanson, T. Kuhn, I. Lakatos, P.K. Feyerabend, ha condotto a riconoscere la implausibilità della distinzione, su cui per molti versi ancora si attardava il neoempirismo, tra asserzioni di fatto e asserzioni teoriche.

    —  Enciclopedia onlineTreccani

Similari
Discorso e verità
135% Foucault, Michel
Chi è colui che può «dire la verità»? E quali rischi corre costui? Quanto gli può costare il suo «parlar chiaro»? E ancora: qual è il rapporto tra la verità e il potere? Deve coincidere, il dire la verità, con l’esercizio…
Il neopositivismo
89% Neopositivismo
Come tutte le etichette filosofiche, anche quella di ‘neopositivismo’ (o, come pure si dice, di ‘positivismo logico’ o ’empirismo logico’) è ambigua. Sotto di essa si spa…
Percorso della filosofia
83% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …
Il caso Nietzsche
56% Autori
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascim…
Il concetto di Natura
47% Natura
Come molte coppie di concetti oppositivi, anche la distinzione natura/cultura può dare a tutta prima l’impressione di un’innegabile ovvietà, correlata persino a un certo grado di osservabi…