Capacità di scegliere liberamente, nell’operare e nel giudicare. L’espressione, usata a indicare la libertà del volere umano, nasce dapprima sul terreno della speculazione teologica, in connessione con i problemi della grazia, della predestinazione e dell’origine del male. Agostino, nella cui opera il concetto assume il massimo rilievo, distingue il l. a. dalla libertà perfetta, che l’uomo avrebbe perduto in seguito al peccato originale, e lo identifica come quel «posse non peccari» per cui esso diviene essenzialmente inclinazione al bene, pur potendo volgersi al male.

La dottrina della grazia, indispensabile all’uomo per il raggiungimento della salvezza, accentua, in polemica con il pelagianesimo, il carattere di gratuità di essa e della sua assoluta indipendenza dai meriti umani; di qui il problema della conciliazione tra predestinazione e l. a., necessario fondamento per la valutazione morale dell’azione. Nella scolastica il concetto di l. a. viene sviluppato in connessione al problema della volontà e della razionalità della scelta.

In Tommaso esso viene a identificarsi con la volontà, «essendo proprio della medesima potenza il volere e lo scegliere» (Summa theologiae, I, q. 83, a. 4); la volontà libera non può peraltro non attenersi ai dettami della ragione, in quanto una scelta d’altro genere nascerebbe da un difetto di libertà. Nell’ultima scolastica, in antitesi all’intellettualismo tomistico, si sviluppa invece una concezione volontaristica che tende a ritrovare la libertà del volere nella totale indipendenza della volontà rispetto ai motivi dell’agire.

Così in Duns Scoto la libertà è intesa come possibilità di determinarsi ad azioni opposte, mentre in Occam si accentua il carattere arbitrario della scelta, l’indifferenza rispetto a qualsiasi tipo di motivazione. Di qui l’identificazione dell’arbitrio con l’arbitrio dell’indifferenza (lat. arbitrium indifferentiae), ossia con lo stato d’animo di chi, di fronte all’esigenza della decisione volontaria, non propende: più per l’uno che per l’altro termine dell’alternativa; formula estrema della libertà del volere, concepita come assoluta indipendenza da ogni movente passionale e razionale, e quindi come puro arbitrio.

Da tale identificazione della volon­tà con l’arbitrium indifferentiae deriva l’impossibilità della stessa volizione nel caso della completa equivalenza dei motivi determinanti. La problematica agostiniana sarà invece ripresa da Lutero, che giungerà a negare qualsiasi possibilità di salvezza al di fuori della grazia, ponendo decisamente l’accento piuttosto sull’imperscrutabilità dell’aiuto divino che sui meriti umani, mentre il pensiero più maturo di Agostino aveva tentato di conciliare, mostrandone la reciproca necessità, i due contrastanti aspetti della predestinazione e del l. arbitrio. I motivi della predestinazione e della grazia costituiranno successivamente, sempre nel solco delle dottrine agostiniane, il nucleo problematico essenziale del giansenismo.

    —  Dizionario di Filosofia (2009)

Similari
Osservazioni sulla libertà
285% Libertà
Nonostante quel che è stato detto infinite volte circa la varietà e la molteplicità dei significati di ‘libertà’, e quindi circa la difficoltà o addirittura la vanità di una sua de…
La libertà
194% Libertà
Nella teoria politica e sociale noi possiamo essere interessati: a) a definire la libertà; b) ad assegnarle un valore; c) a interpretarne il senso o, meglio, i variabili sensi. Nel…
Riflessi sul tema della libertà
100% Libertà
Capacità del soggetto di agire (o di non agire) senza costrizioni o impedimenti esterni, e di autodeterminarsi scegliendo autonomamente i fini e i mezzi atti a conseguirli. La l…
La nozione di razionalità
96% Razionalità
Il concetto di razionalità è, assieme a quello di giustizia sociale, uno dei concetti normativi fondamentali impiegati nelle scienze sociali. Intuitivamente, essere razionali sig…
L’Esistenzialismo
86% Esistenza
Sia la connotazione che la denotazione del termine ‛esistenzialismo’ sono problematiche. Esso è stato infatti definito in modi diversi; e, a seconda della definizione che se ne dà, un …