È una delle correnti principali e tipiche della filosofia contemporanea, di cui anzi può essere considerato come una caratteristica generale. Riguardato sotto questo aspetto il problematicismo, mentre da un lato appare come lo sbocco del criticismo o del gnoseologismo moderno, dall’altro ci immette in un clima mentale radicalmente nuovo, quello appunto della filosofia contemporanea. E se si tien conto della difficoltà che si incontra ogni volta che si vuole definire in una formula un indirizzo di tale filosofia, a causa della forte storicizzazione cui tali indirizzi si trovano ad essere sottoposti (la loro definizione non potrebbe essere altro che la ripetizione della loro genesi storico-dialettica), si vede che, mentre definisce il contemporaneo, il problematicismo può essere anche da esso definito. Più che un principio o un teorema, lo caratterizza appunto la coscienza della peculiare situazione del pensiero contemporaneo come sbocco della crisi del pensiero moderno; è un clima mentale, uno stile e insieme una situazione, più che una dottrina definita ed organica. Di fatto, il concetto della problematicità, pur essendo riguardato come centro di gravitazione del sapere, non è ancora stato adeguatamente tematizzato. La problematicità significa, in generale, da una parte che ogni posizione teoretica può essere contraddetta (antinomismo), dall’altra che ogni determinazione del sapere (e della vita) deve essere colta e individuata nel suo libero sviluppo e nella sua autodefinizione, rinunciando alla pretesa di inquadrarla in un sistema di categorie soprastoriche. Appare, allora, che la definizione più plausibile che si può proporre del problematicismo è quella di antimetafisica, intendendo per metafisica una rappresentazione sistematica della realtà in sé (quando l’esistenzialismo, che pure presuppone il motivo problematicistico, e può perciò considerarsi come uno dei suoi grandi esiti, parla di metafisica, intende non una dottrina dell’essere, ma dell’esistente: dottrina che si dice ontologica o metafisica, solo in quanto è portata fuori dalla prospettiva gnoseologistica).

Nel problematicismo, considerato come corrente specifica, si possono distinguere diverse tendenze o particolarizzazioni. La principale distinzione che è dato ravvisare è, forse, quella tra un problematicismo trascendentale, il quale fonda ancora su una teoria della ragione il carattere problematico del sapere ed uno puramente situazionale, il quale si limita a constatare la carenza della metafisica. La prima forma accentua il carattere positivo della crisi (il nuovo concetto del sapere e dell’uomo), la seconda invece quello negativo (la perdita di ogni valore). In Italia, dove il problematicismo (i cui prodromi più vicini possono scorgersi nella Kulturphilosophie tedesca e nell’epistemologismo francese) ha trovato forse la sua più chiara enucleazione, essendo rappresentate la prima forma specialmente da A. Banfi, la seconda da U. Spirito.

    —  Gu. Bon.

Similari
Percorso della filosofia
112% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …
Il marxismo teorico
56% Marxismo
Il materialismo dialettico Il marxismo teorico del XX secolo è prevalentemente, sebbene non esclusivamente, ‘materialismo dialettico’. È materialismo dialettico l’ideologia dei…
Discorso e verità
51% Foucault, Michel
Chi è colui che può «dire la verità»? E quali rischi corre costui? Quanto gli può costare il suo «parlar chiaro»? E ancora: qual è il rapporto tra la verità e il potere? Deve coincidere, il dire la verità, con l’esercizio…
Galileo Galilei
49% Galilei, Galileo
I Galilei (detti così dal nome o soprannome d’un antenato, il cui cognome era Bonaiuti) appartenevano alla nobiltà fiorentina e la loro genealogia è nota dal secolo XIV. Esecutore…
Fasi del nichilismo
46% Nichilismo
Nell’uso più corrente e consueto il termine nichilismo indica, da un lato, quella corrente di pensiero e di azione ateistica, materialistica, positivistica e…