Termine utilizzato per designare indirizzi filosofici incentrati su teorie della realtà e del pensiero intesi, in quanto ‘razionali’ o ‘intelligibili’, come conoscibili in senso completo mediante la ragione. Si tratta, tuttavia, di un concetto abbastanza generico, che in senso proprio coincide con la ricerca filosofica stessa, ma il cui impiego nel corso dei secc. 17° e 18° indica filosofie incentrate su apparati dimostrativi rigorosi e razionali di tipo logico o logico-matematico, come avviene nel razionalismo cartesiano o, in diversa prospettiva, spinoziano e leibniziano. È in tal senso che si può parlare di razionalismo classico.

Dall’antichità all’età moderna. Storicamente è possibile individuare una preponderante impostazione razionalistica già nella teoria platonica delle idee, intese come modelli razionali della realtà, o nello stoicismo, ove è centrale il concetto di ragione (λόγος) come necessità causale e determinante (fatalismo). Si indica altresì come razionalismo la tendenza verso le metafisiche e le teologie razionali (distinta da approcci o tendenze mistiche), quali iniziano a svilupparsi in Anselmo d’Aosta (credo ut intelligam) e in Alberto Magno per poi strutturarsi in Tommaso d’Aquino. È inoltre possibile indicare come razionalismo aristotelico la filosofia sviluppatasi presso l’univ. di Padova e, per alcuni tratti, il naturalismo del Rinascimento, con l’eliminazione del miracoloso e del soprannaturale in autori quali Machiavelli, Pomponazzi o Vanini; in questi casi con il termine razionalismo si intende sottolineare la differenza rispetto ad approcci nei quali componenti ‘irrazionalistiche’ simpatetiche o demoniche trovano maggior accoglienza, come il platonismo o le filosofie ermetiche rinascimentali.

Di razionalismo si parla anche in relazione ad approcci fondati sulla ragione «naturale» (con il recupero della nozione morale antica e tardo antica di recta ratio), scevra da componenti o influssi soprannaturali, che invece caratterizzano il pensiero cristiano e, in partic., agostiniano, ove è presente la concezione di un «lume» della ragione (lumen naturalis) come derivato dal «lume» soprannaturale di origine divina (lumen supernaturalis). In tal senso in epoca moderna si strutturano forme di razionalismo sia nel campo della riflessione giuridica e politica, con il giusnaturalismo (➔), che trova espressione nel De iure belli ac pacis (1625) di Grozio, nel quale si individuano norme di diritto naturale anteriori e fondanti rispetto a quelle positive e valide a prescindere dall’esistenza di Dio (Prolegomena), sia nel campo morale e religioso, con la proposta di una religione naturale più o meno congruente con quelle rivelate, come avviene nel De veritate di Herbert di Cherbury (1624) e più in generale nelle correnti deistiche fra Seicento e Settecento.

Da Kant a Popper. Kant parla di razionalismo, indicando con tale termine anche la propria filosofia trascendentale (Über die Fortschritte der Metaphysik, 1804; trad. it. Sui progressi della metafisica) e distinguendo il «noologismo», ossia la tendenza al razionalismo ricondotta a pensatori quali Platone, Leibniz e Wolff, dall’empirismo di Aristotele, Locke e Hume (Critica della ragion pura, Dottrina trascendentale del metodo, IV). Tale alternativa è delineata sullo sfondo di quella, più ampia, fra dogmatismo e scetticismo, successivamente accolta e sviluppata da Hegel (Storia della filosofia, III, 2). Nell’Enciclopedia delle scienze filosofiche (➔) il razionalismo (Rationalismus) è definito come la «riflessione finita, che si è data il nome di ragione e di filosofia», ove la concezione dialettica della ragione ingloba le «antinomie» del razionalismo (quali si presentavano in Kant) iscrivendole entro lo sviluppo dialettico del pensiero speculativo e del reale. Il quadro kantiano ed hegeliano, in gran parte accolto dai filosofi successivi, propone tuttavia una schematizzazione eccessiva; negli indirizzi filosofici dei secc. 17° e 18°, empirismo e razionalismo si combinano diversamente e variamente, originando un’ampia gamma di declinazioni della ragione identificata non soltanto con il rigido modello delle dimostrazioni scientifiche della fisica meccanicistica newtoniana, della logica cartesiana o geometrica (adottato per es. nell’esposizione ‘euclidea’ del De cive di Hobbes), ma improntato anche a un modello di «ragionevolezza», nelle materie morali e religiose, come avviene in Locke e in Hume. Il razionalismo scientifico, riconducibile al modello euclideo o comunque a un razionalismo per così dire ‘forte’ esemplato nei sistemi di Descartes, Spinoza e Leibiniz, ove il «principio di ragion sufficiente» (➔) ovvia alla contingenza delle «verità di fatto», viene depotenziato e coniugato con il probabilismo e con l’apertura alle «materie di fatto», già presente, sulla scia delle tesi lockiane del Saggio sull’intelletto umano (➔), nella Logica di Port-Royal (➔) (nella parte IV). Viene anche coniugato con la più precisa identificazione di una radice sentimentale («moral sense») della morale, della politica e della religione, che insieme alla fisica newtoniana costituiscono componenti essenziali del razionalismo illuministico, di cui è espressione emblematica Rousseau. Di razionalismo critico si parla nell’attuale dibattito epistemologico, sulla scorta dei dibattiti sorti intorno al neokantismo, sulla scorta delle tesi di Popper (La società aperta e i suoi nemici, 1945) con la presa in carico del criterio «fallibilista», entro un modello di razionalismo non più inteso come autofondante e autosufficiente.

Dizionario di Filosofia (2009)

Similari
Percorso della filosofia
82% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …
Discorso e verità
48% Foucault, Michel
Chi è colui che può «dire la verità»? E quali rischi corre costui? Quanto gli può costare il suo «parlar chiaro»? E ancora: qual è il rapporto tra la verità e il potere? Deve coincidere, il dire la verità, con l’esercizio…
L’autonomia della ragione
45% Illuminismo
L’affermazione solenne dell’autonomia della ragione, che è alla radice della cultura dei lumi, maturò in cerchie ristrette e assunse un peculiare significato politico e religioso negli ultimi decenni del 17° secolo. La sup…
Il Darwinismo sociale delle società umane
41% Darwinismo sociale
Locuzione che apparve negli anni Ottanta dell’Ottocento per indicare l’applicazione dell’evoluzionismo allo studio delle società umane. La locuzione non acquistò mai, però, contenuti precisi, e ai primi del Novecento fu re…
Il caso Nietzsche
40% Autori
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascim…