La vera fioritura del sensismo si ha quando la tradizione dell’empirismo inglese assume con T. Hobbes e J. Locke un carattere spiccatamente sensistico, per l’esigenza di combattere ogni forma di innatismo, dimostrando come anche la cosiddetta conoscenza intellettiva provenga in ultima analisi dalla conoscenza sensibile. Strumento teorico del sensismo è l’associazionismo, di cui Locke pone le basi, e che passa poi, insieme con il sensismo stesso, agli ideologi francesi (É.B. de Condillac) e di qui alla cultura italiana del Settecento e del primo Ottocento. R. Ardigò sviluppò minutamente il sensismo, quale base della gnoseologia del positivismo e del materialismo, mentre l’empirismo più moderno (J.S. Mill, E. Mach, R. Avenarius) non è più sensistico soltanto nel senso gnoseologico, ma anche in quello metafisico.
Dizionario di Filosofia (2009)

Dottrina gnoseologica che considera ogni contenuto di conoscenza, non esclusi quelli tradizionalmente fatti procedere da superiori facoltà conoscitive, come derivato, o direttamente o indirettamente, dall’esperienza sensibile. La storia del sensismo può dirsi che s’inizi quando, nell’età postaristotelica, nasce la reazione contro la precedente tendenza a svalutare la conoscenza dei sensi a vantaggio di quella intellettuale: così sensisti sono gli epicurei e gli stoici, e a loro modo anche gli scettici.
Nel Medioevo la repressione del senso nel campo etico si riflette, in quello gnoseologico, in una svalutazione della sua capacità conoscitiva.
La vera fioritura del sensismo si ha invece quando la vecchia tradizione dell’empirismo inglese (Hobbes, Locke) assume un carattere spiccatamente sensistico, per l’esigenza di combattere ogni forma di innatismo e razionalismo, dimostrando come anche la cosiddetta conoscenza intellettuale provenga in ultima analisi da quella conoscenza sensibile che essa dispregia come inadeguata. Arma principale del sensismo è l’«associazionismo», di cui Locke è il massimo teorico, e che passa poi, insieme con il sensismo stesso, agli ideologi francesi (Condillac) e di qui alla cultura italiana del Settecento e del primo Ottocento.
Cosi Ardigò sviluppa minutamente il sensismo, quale base della gnoseologia del positivismo e del materialismo.
Ma, data l’evoluzione che già il sensismo e l’empirismo di Locke aveva subito per opera di Berkeley e di Hume, l’empirismo più moderno (Stuart Mill, Mach, Avenarius) non è più sensistico soltanto nel senso gnoseologico, ma anche in quello metafisico.

Similari
L’Innatismo
135% Innatismo
La forma classica di innatismo è quella di Platone, che ritiene l’uomo in possesso di tutti i concetti prima dell’esperienza, la quale si limiterebbe a stimolarne il ricordo. Tracce di innatismo sono presenti in larga part…
Percorso della filosofia
59% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …
L’Empirismo
57% Empirismo
Dal gr. εμπειρία («esperienza»). In generale, atteggiamento filosofico che pone nell’esperienza la fonte della conoscenza. Tradizionalmente considerato nelle storie della filosofia in opposizione a «innatismo» e a «raziona…
L’autonomia della ragione
43% Illuminismo
L’affermazione solenne dell’autonomia della ragione, che è alla radice della cultura dei lumi, maturò in cerchie ristrette e assunse un peculiare significato politico e religioso negli ultimi decenni del 17° secolo. La sup…
Le origini del liberalismo
42% Liberalesimo
Del liberalismo sono state date definizioni sensibilmente differenti, e, naturalmente, tali differenze corrispondono a modi diversi di concepire il liberalismo stesso. La cosa…