Il concetto di causa (pertinente insieme all’ambito della scienza e a quello del pensare comune) ha significato correlativo a quello di effetto significando comunemente ciò da cui e per cui una cosa è. Il rapporto della causa all’effetto costituisce la causalità. L’idea di questo rapporto riferito a tutta la realtà costituisce il principio di causalità. Causa ed effetto presuppongono entrambi il divenire, l’accadere, e la capacità attiva di uno degli eventi di esso (causa) a produrre un evento ulteriore (effetto). Il riconoscimento del nesso causale permette la previsione e, in tal senso, risulta costitutivo della conoscenza scientifica.

Antichità e Medioevo

Il concetto di causa, pur presente nei presocratici e in Platone (Timeo, 28 a: «tutto ciò che si genera è necessariamente effetto di una causa, ché senza una causa è impossibile che qualsiasi cosa si generi»; cfr. anche, 46 c-e; 68 e-69 a), viene compiutamente tematizzato soltanto con Aristotele. È infatti in base all’elaborazione aristotelica che la causa viene definita secondo quattro specie: materiale, formale, efficiente e finale (secondo una terminologia di origine scolastica). Per Aristotele, il termine causa (dell’essere) indica: (1) la materia (causa materiale): ciò «di cui» una cosa è fatta, ossia il soggetto o sostrato ricettivo della forma; (2) la forma (causa formale): principio intrinseco della perfezione dell’ente, ossia ciò «per cui» una cosa è quella che è; (3) l’efficiente o motore (causa efficiente): ciò «da cui» proviene la spinta iniziale del movimento; (4) il fine (causa finale): ciò che segna la direzione del movimento e lo scopo per il quale l’efficiente è sollecitato ad agire. Il quadro tracciato nella Metafisica (I, 3; IV, 2) è presente anche nella Fisica (II, 194 b 23-195 b) la cui trattazione è aperta proprio dall’identificazione della scienza con la conoscenza mediante le causa (I, 1, 184 a), lo scire per causas di cui si parla nella filosofia scolastica. Fra i sistemi filosofici dell’antichità, critiche alla dottrina aristotelica della causa vengono mosse dall’epicureismo e dall’atomismo, ove la causa viene intesa principalmente in senso fisico e meccanico, ma è la dottrina scettica, conservata nel libro IX dell’Adversus mathematicos di Sesto Empirico, a presentare l’attacco più deciso contro la possibilità stessa di istituire la relazione causale. In ambito neoplatonico la riflessione sulla causa recupera il contesto aristotelico, incentrandosi però sulla struttura gerarchica della causalità.
Nelle Enneadi di Plotino è forte l’accento sui processi emanativi che regolano il processo causale di discesa dell’essere, nei suoi vari gradi, a partire dall’Uno. Tema ripreso e trattato rigorosamente da Proclo nella Elementatio theologica, da cui fu tratto il Liber de causis conosciuto e studiato nel Medioevo, nella traduzione latina ricavata dall’esemplare arabo.
Tali motivi neoplatonici insieme a temi avicenniani introducono nel pensiero medievale il concetto di causa prima, e la conseguente suddivisione fra causa prime e causa seconde, presente nella scolastica; i testi di Tommaso d’Aquino (Somma teologica, II, 1, q. 19, a. 4) sono esemplari anche nell’esplicitare il rafforzarsi della concezione gerarchica del potere causale, che consegue a tale impostazione: «quanto più una causa è elevata, tanto più si estende il suo potere causale» (I, q. 65, a. 3). Un’altra importante articolazione nella riflessione cristiana sulla causa è fornita dalla dottrina agostiniana della causa esemplare, secondo la quale i processi causali che si operano nella temporalità sono attuati in ragione delle rationes seminales (ragioni seminali) presenti nel Verbo, poste da Dio nella creatura fin dall’inizio.
La riflessione di Guglielmo d’Occam muove invece dalla centralità delle causa individuali e privilegia la causalità efficiente, negando la reale esistenza della relazione causale al di fuori degli individui; egli perviene all’esplicito rifiuto della causa finale, seguito in ciò da alcuni pensatori successivi fra i quali si distingue Nicola di Autrecourt, il quale si spinge fino alla negazione della realtà delle relazioni causali, ritenendo che queste ultime non possano essere provate in maniera sufficiente neppure dall’esperienza.

L’età moderna

Il rifuto della causa finale, come criterio di spiegazione e di conoscenza scientifica, già esplicito in Bernardino Telesio (De rerum natura iuxta propria principia, IV, 25), diventa inaugurale per la modernità scientifica e filosofica nel De dignitate et augmentis scientiarum (1623) di F. Bacone: «La ricerca delle cause finali è sterile: come una vergine consacrata a Dio non partorisce nulla» (III, 5; cfr. anche Novum Organum, 1620, II, 2); il rifiuto del finalismo è alla base della riflessione di pensatori quali Galilei, Descartes (Principia philosophiae, 1664, I, 28) e Spinoza, che significativamente nel concludere il primo libro dell’Ethica (1665) scrive: «la natura non ha alcun fine prefisso e […] tutte le causa finali non sono che finzioni umane» (Ethica, I, 36, appendix). Tuttavia è nell’età moderna che la centralità della nozione di causa e del rapporto causale ormai inteso nel senso scientifico esemplato nelle opere di Galilei, incentrato sulla causalità efficiente, diventa pervasiva fino a comprendere, mediante lo stabilimento delle filosofie meccanicistiche, la spiegazione dell’intera fisica, pervenendo fino alla sintesi di Newton, Philosophiae naturalis principia mathematica (1687).
Se nella concezione hobbesiana presente nel libro IX del De corpore (1655) la causa si esprime unicamente nell’azione di un corpo su un altro corpo, in Descartes la causalità si estende in modo nuovo anche alla metafisica. Nelle Meditationes de prima philosophia (1641), esponendo geometricamente le proprie prove dell’esistenza di Dio, egli stabilisce come assioma che «non vi è cosa alcuna esistente della quale non si possa domandare la causa per la quale esiste», cui consegue che «ciò stesso si può domandare di Dio» (Risposte alle seconde obiezioni) pensando Dio stesso in base alla causalità, come causa sui (causa di sé), concetto poi ripreso e radicalizzato da Spinoza.
Dall’esigenza di rendere la causalità congruente con i due ordini di sostanze eterogenei stabiliti da Descartes (estesa e pensante) nasce la tesi delle causa occasionali (ossia che non producono direttamente l’evento, bensì aprono la via all’entrata in gioco della causa che propriamente lo produce), in base alla quale soltanto Dio è propriamente causa (cartesianismo), mentre sul rifiuto della sola causalità meccanica e sul conseguente recupero della causa finale sorge il finalismo che caratterizza la metafisica leibniziana; tale conciliabilità fra finalismo e causalità meccanica ispirerà ancora la metafisica di Wolff. È nelle riflessioni dei rappresentanti dell’empirismo classico che iniziano a essere mossi i primi attacchi al concetto di causa, anche mediante una riattualizzazione di motivi scettici.
Già Locke, nel Saggio sull’intelletto umano (1690), constata che il «nome generale» di causa e quello di effetto scaturiscono dalle idee semplici ricevute mediante la sensazione e la riflessione «senza che si conosca la maniera di quella relazione» (I, 26, 1-2), ma è con Hume (Trattato sulla natura umana, 1739-40; Ricerca sull’intelletto umano, 1748) che la critica diventa radicale fino a escludere la possibilità stessa del valore predittivo della scienza fondata sulla relazione di causa ed effetto; tale connessione è infatti basata unicamente sull’abitudine a credere che avvenimenti simili si ripeteranno in maniera uniforme. Credenza, appunto, che non può fondarsi sull’esperienza, ma che è un’impropria connessione stabilita in maniera arbitraria e sempre passibile di essere smentita dall’esperienza stessa (Ricerca sull’intelletto umano, IV). Alla critica di Hume ovvia Kant che, nella Critica della ragion pura , inserisce la relazione di causalità fra le categorie, come forma a priori, conferendole il carattere di oggettività e di universalità dell’intelletto trascendentale.

Dopo Kant

La ripresa del finalismo connota le filosofie idealistiche, anche se si tratta di un finalismo non antropomorfo, provocando anche una certa svalutazione della conoscenza scientifica in senso meccanicistico che caratterizza anche le tesi di Hegel, il quale considera la causa (Ur-sache) come «cosa originaria», origine o principio da cui le altre cose derivano (Enciclopedia delle scienze filosofiche, 1817, § 153); in tale contesto la causa si colloca nell’ambito della razionalità pura cui attiene la deducibilità necessaria; la causa permette la deduzione dell’effetto.
Tuttavia è proprio dal versante scientifico che arriva la svalutazione del concetto di causa, in conseguenza della crisi della meccanica e della fisica classica conseguente agli sviluppi della termodinamica nella seconda metà del sec. 19° a opera, soprattutto, di Maxwell e di Boltzmann; l’affermarsi del modello statistico in alternativa alla teoria fisica classica produsse un lento sfaldamento conclusosi nel sec. 20° allorché la nozione di causa e il principio di causalità si sono rivelate insufficienti per lo studio della meccanica quantistica; esemplare, in tal senso, è il principio d’indeterminazione stabilito da Heisenberg (1927).
Fra 19° e 20° sec. si è assistito a un eclissarsi del concetto scientifico di causa; se sul versante del determinismo Comte ha insistito sulla necessità di svincolare il concetto di causa dalla metafisica in favore di una sua considerazione come «relazione invariabile di successione e di somiglianza fra i fatti» (Corso di filosofia positiva, 1830-42, I, 1, 2), Mach ha sostituito al concetto classico di causalità quello matematico di funzione (1922), giungendo a proporre al posto della relazione causale il concetto di «legge descrittiva» in cui la conoscenza scientifica si attua mediante la formulazione soggettiva di sequenze uniformi da sottoporre all’esperienza.
Metodi statistici, concezioni convenzionalistiche e operazionistiche hanno escluso dalla scienza contemporanea il concetto classico di causa.
Ciononostante negli sviluppi successivi agli anni Sessanta del Novecento, il dibattito epistemologico si è di nuovo aperto al confronto con istanze provenienti dalla ricerca biologica, dallo studio dei fenomeni percettivi o dal campo del diritto, ove le difficoltà e le insufficienze prodotte dalla rinuncia al concetto di causa impongono un rinnovato quadro problematico.

    —  Dizionario di Filosofia (2009)

Similari
Percorso della filosofia
81% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …
Il marxismo teorico
67% Marxismo
Il materialismo dialettico Il marxismo teorico del XX secolo è prevalentemente, sebbene non esclusivamente, ‘materialismo dialettico’. È materialismo dialettico l’ideologia dei…
Il concetto di sostanza
54% Sostanza
Nozione che viene determinandosi nella filosofia antica a partire da Aristotele, il quale la designa con il termine οὐσία, che indica la forma intesa in relazione all’individuo concretamente esistente. Tale concetto è svil…
Discorso e verità
52% Foucault, Michel
Chi è colui che può «dire la verità»? E quali rischi corre costui? Quanto gli può costare il suo «parlar chiaro»? E ancora: qual è il rapporto tra la verità e il potere? Deve coincidere, il dire la verità, con l’esercizio…
Il concetto di causa
49% Causa
La relazione di causalità è diventata uno dei temi di maggiore rilievo nel panorama epistemologico della seconda metà del 20° sec. sia per gli sviluppi della concezione neoempiristica sia per le teorie alternative che hann…