La credenza come stato mentale è stata ampiamente tematizzata dalla filosofia moderna. Nella distinzione posta da Locke tra conoscenza certa e conoscenza probabile, la credenza è il grado più alto dell’assenso che si può ottenere nell’ambito della probabilità sulla base delle prove disponibili. L’analisi della credenza assume un ruolo centrale nella filosofia di Hume, per il quale credere equivale a un modo di sentire della mente con una particolare forza e vivacità che non possiedono invece le finzioni dell’immaginazione, ed è proprio questa vivacità che fa sì che ogni ragionamento di probabilità si riduca in ultima istanza a una specie di sensazione.

La linea analitica inaugurata da Locke fu poi ripresa nel System of logic di J.S. Mill, dove sono discussi i metodi e la natura delle prove che permettono di giungere a proposizioni tali «da poter essere credute»: sono gli stessi metodi che guidano anche la ricerca delle ragioni della «non credenza», con cui Mill intende lo stato della mente in cui siamo fermamente persuasi che una certa opinione non è vera.

Il tema della credenza razionale sarà ripreso dalla filosofia analitica, che ne individuerà i requisiti essenziali nella coerenza logica e nella sua fondatezza empirica o teorica. Accanto alle interpretazioni gnoseologiche della credenza, un’altra linea di ricerca ha teso a evidenziarne piuttosto il carattere pratico.

Presente già nelle opere di A. Bain, l’analisi della credenza in termini di comportamento è stato ampiamente e variamente sviluppata nell’ambito del pragmatismo, a opera soprattutto di Ch.S. Peirce, per cui la credenza è impegnativa per le abitudini di azione che produce, e di W. James, che ha parlato di una «volontà di credere».

    —  Treccani Dizionario di Filosofia (2009)

Similari
Il Probabilismo
132% Probabilismo
Impiegato nel corso della storia con significati spesso eterogenei e in riferimento a distinte tradizioni di pensiero, il termine designa genericamente il complesso delle dottrine che, in assenza di certezza, fondano nella…
Appunti sul Probabilismo
132% Probabilismo
Il probabilismo nel pensiero antico Con la trattazione aristotelica delle forme di ragionamento non dimostrativo, caratterizzanti la dialettica e la retorica, prese avvio il primo sistematico tentativo di analisi rigorosa…
L’utilitarismo
118% Utilitarismo
John Stuart Mill diceva che “in uno dei romanzi di Galt, Gli annali della parrocchia, […] il membro della Chiesa scozzese di cui il libro costituisce un’immaginaria autobiogra…
Percorso della filosofia
110% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …
Il neopositivismo
97% Neopositivismo
Come tutte le etichette filosofiche, anche quella di ‘neopositivismo’ (o, come pure si dice, di ‘positivismo logico’ o ’empirismo logico’) è ambigua. Sotto di essa si spa…