Lat. antithåsis, gr. ἀντίϑεσις «contrapposizione».
Originariamente indicava un generale rapporto di opposizione fra due concetti. Aristotele per primo ne teorizzò i vari aspetti, distinguendo quattro modi di essere in rapporto di antitesi: relazione, contrarietà, steresi e contraddizione, formata dall’affermazione e dalla negazione. Da Kant in poi antitesi non significa più il rapporto di opposizione, ma il termine negativo dell’opposizione stessa: per Kant l’antitesi è la proposizione che, in un’antinomia, contraddice la «tesi». Nella dialettica hegeliana, in conformità al nuovo significato che assume l’antinomia, l’antitesi, generatasi in seno alla tesi, si risolve con essa nella «sintesi», conciliatrice e insieme superatrice, nella propria concretezza, di quei due momenti astratti.

    —  Dizionario di Filosofia (2009)

Similari
Il marxismo teorico
129% Marxismo
Il materialismo dialettico Il marxismo teorico del XX secolo è prevalentemente, sebbene non esclusivamente, ‘materialismo dialettico’. È materialismo dialettico l’ideologia dei…
Percorso della filosofia
120% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …
La dialettica nella filosofia
68% Dialettica
Dal gr. διαλεκτικὴ (τέχνη), propr. «arte dialogica». In senso generico significa l’arte del dialogare, del discutere, intesa come tecnica e abilità di presentare gli argomenti adatti a dimostrare un assunto, a persuadere u…
Il Marxismo
61% Marxismo
Il marxismo nasce, negli scritti di Marx e di Engels degli anni quaranta dell’Ottocento, sotto forma di una scienza della società che intende fornire un’interpretaz…
Discorso e verità
55% Foucault, Michel
Chi è colui che può «dire la verità»? E quali rischi corre costui? Quanto gli può costare il suo «parlar chiaro»? E ancora: qual è il rapporto tra la verità e il potere? Deve coincidere, il dire la verità, con l’esercizio…