Dal lat. tardo reflexio, propr. «ripiegamento». Operazione con cui l’intelletto, in possesso di un contenuto qualsiasi, ottiene conoscenza di sé e delle proprie funzioni. Il termine acquista una prima rilevanza filosofica nella tarda scolastica, e in partic. negli scritti di Tommaso d’Aquino, il quale osserva come l’intelletto «secundum eandem reflexionem intelligit et suum intelligere et speciem qua intelligit» (Summa theologiae, I, q. 85, a. 2), ossia intenda, mediante la riflessione, tanto il proprio intendere quanto la specie attraverso la quale intende. Già in questa definizione si avverte peraltro l’eco dell’antico motivo platonico-aristotelico del «sapere di sapere», del «pensiero che pensa sé stesso»; motivo che risuona peraltro nel termine reditio, usato da Tommaso come sinonimo di reflexio, e già impiegato dai traduttori medievali per rendere la nozione di ἐπιστροφή, con cui i neoplatonici (Proclo) avevano inteso il movimento dell’Uno che torna in sé stesso dalla dispersione nella materia. Il concetto di riflessione assume tuttavia importanza specifica nella filosofia moderna, quando viene adoperato per designare l’attività interiore con cui lo spirito integra, dal punto di vista conoscitivo, la percezione del mondo esterno. Decisivo è il contributo apportato in questo senso da Locke, che nella reflection indica una delle due fonti della conoscenza, ponendo l’altra nella sensazione; mentre la seconda apporta il materiale dall’esterno, la prima interviene nella formazione delle cosiddette idee di riflessione, non ottenibili mediante i sensi (percezione, pensiero, dubbio, credenza, ecc.). La questione del rapporto tra riflessione e sensazione, che Locke aveva posto ma non chiaramente risolto, sarà affrontata dai principali esponenti della tradizione empiristica (Hume, Condillac), che tenderanno a riassorbire la funzione del riflettere in quella del sentire. Distaccandosi parzialmente da questa tradizione, sarà Kant a proporre (Critica della ragion pura, 1781, B 316-346) una nuova concezione della riflessione, definendola come «la coscienza della relazione tra le rappresentazioni date e le nostre varie fonti di conoscenza», grazie alla quale può essere colto il loro scambievole rapporto. Nella sua forma «trascendentale», distinta da quella logica che si limita al confronto delle sole rappresentazioni fra loro, essa ha per oggetto le coppie concettuali di identità-diversità, concordanza-opposizione, interno-esterno, materia-forma, cioè quei concetti generali che rendono appunto possibile il confronto tra le rappresentazioni. Necessaria all’esercizio critico della facoltà di giudizio, la riflessione interviene specialmente nelle inferenze del giudizio riflettente (➔ riflettente/determinante, giudizio), laddove si tratta di arrivare a concetti universali partendo da concetti particolari; e in questo senso Kant ne approfondisce l’analisi nella Critica del giudizio (1790), sempre rimarcandone il carattere soggettivo e la fondamentale sua dipendenza, per il contenuto, dalla sensibilità. La tendenza a svalutare la riflessione, il suo procedere per astrazioni, cioè per separazioni e opposizioni ritenute fisse e insuperabili, il suo rimanere sostanzialmente legata alla realtà sensibile e incapace di elevarsi al grado della «ragione», sarà invece uno dei motivi peculiari dell’idealismo postkantiano. Tale tendenza culminerà nell’intensiva reinterpretazione di Hegel, che nella riflessione vede incarnato l’atteggiamento intellettualistico della filosofia kantiana, ma anche quello del senso comune, della scienza e della metafisica tradizionale, e si propone quindi di risolverne i dualismi nel movimento del sapere assoluto, attraverso lo svolgimento dialettico del concetto di «essenza» (Wesen), concepita come grado dell’idea logica in cui l’essere, superata la sua originaria immediatezza, diviene mera «apparenza», sicché «tutto si sdoppia […]: una volta c’è un immediato, un essente, e una seconda volta c’è lo stesso immediato come mediato, come posto» (Enciclopedia delle scienze filosofiche in compendio, 1817, § 112, aggiunta). In seguito, il tema della riflessione sarà ripreso in vario modo, e specialmente in chiave spiritualistica (Maine de Biran), fenomenologica (Husserl, Scheler) ed esistenzialistica (Marcel, Sartre).

    —  Dizionario di Filosofia (2009)

Similari
Percorso della filosofia
105% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …
Discorso e verità
58% Foucault, Michel
Chi è colui che può «dire la verità»? E quali rischi corre costui? Quanto gli può costare il suo «parlar chiaro»? E ancora: qual è il rapporto tra la verità e il potere? Deve coincidere, il dire la verità, con l’esercizio…
Il marxismo teorico
48% Marxismo
Il materialismo dialettico Il marxismo teorico del XX secolo è prevalentemente, sebbene non esclusivamente, ‘materialismo dialettico’. È materialismo dialettico l’ideologia dei…
La Filosofia Pratica
42% Pratica
Tra i problemi maggiormente dibattuti nel pensiero filosofico contemporaneo un posto di primo piano è occupato da quelli relativi all’agire e alle sue forme di razionali…
Definizioni di filosofia
42% Filosofia
La filosofia può definirsi come una forma di sapere che, pur nella grande varietà delle sue espressioni, presenta quali note pressoché costanti due vocazioni: una all’universalità e una alla prescrizione di una saggezza. L…