Rapporto immediato e diretto tra soggetto pensante e oggetto, che può essere inteso o come semplice presenza dell’oggetto alla mente, o come immedesimazione del soggetto nell’oggetto. Già nella filosofia antica e medievale sono rintracciabili entrambi i significati. Così Platone e Aristotele affermano la possibilità di raggiungere i principi primi mediante l’intuizione, intendendo con ciò la possibilità di percepirli direttamente. L’altro significato di intuizione è presente specialmente nell’opera di pensatori interessati alla problematica religiosa. Plotino, Agostino e i mistici medievali indicano nell’intuizione l’unica via per l’uomo di entrare in contatto con Dio, intendendo talora questo contatto come immedesimazione o partecipazione. Ancora Plotino e Agostino, insieme inoltre a Tommaso, affermano il carattere intuitivo proprio della conoscenza divina concepita come creatrice dei suoi stessi oggetti. La filosofia moderna insiste inizialmente sulla coincidenza tra intuizione ed evidenza. Con Cartesio si parla quindi d’intuizione a proposito della percezione immediata di alcuni singoli contenuti assolutamente certi (l’Io, Dio, ecc.); mentre nel caso di Locke si riconosce nell’intuizione la via privilegiata per percepire immediatamente e con sicurezza la concordanza e la discordanza tra diversi contenuti. Sull’intuizione e sulla sua capacità di rendere partecipe il soggetto della natura dell’oggetto insiste invece Spinoza nelle pagine in cui afferma la superiorità della scienza intuitiva. I due diversi significati d’intuizione sono poi chiaramente distinti da Kant, che contrappone l’intuizione sensibile, come percezione passiva, ma immediata, dell’oggetto da parte di un essere finito, all’intuizione intellettuale, propria soltanto di Dio, in forza della quale l’oggetto stesso viene creato. La filosofia idealistica si è proposta, successivamente, di recuperare all’uomo l’intuizione intellettuale affermando, con Fichte, Schelling e Hegel, la capacità dell’ente finito di cooperare al processo di creazione dell’oggetto. Nel corso del Novecento sono da ricordare, per il particolare peso che danno all’intuizione, accanto alla filosofia di Croce, che considera tale funzione come propria della creazione e della fruizione estetica, il pensiero di Bergson, che riconosce nell’intuizione una forma privilegiata di percezione che permette di superare gli schemi dell’intelletto per giungere a una più vera comprensione dell’oggetto in tutta la sua plasticità e dinamicità; e infine la fenomenologia di Husserl, che ritiene l’intuizione eidetica l’unica via per cogliere le essenze con la medesima pregnanza degli oggetti empirici.

    —  Dizionario di Filosofia (2009)

Similari
Percorso della filosofia
66% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …
L’Esistenzialismo
50% Esistenza
Sia la connotazione che la denotazione del termine ‛esistenzialismo’ sono problematiche. Esso è stato infatti definito in modi diversi; e, a seconda della definizione che se ne dà, un …
Osservazioni sulla libertà
40% Libertà
Nonostante quel che è stato detto infinite volte circa la varietà e la molteplicità dei significati di ‘libertà’, e quindi circa la difficoltà o addirittura la vanità di una sua de…
Il concetto di Natura
39% Natura
Come molte coppie di concetti oppositivi, anche la distinzione natura/cultura può dare a tutta prima l’impressione di un’innegabile ovvietà, correlata persino a un certo grado di osservabi…
L’Intuizione
38% Intuizione
Il significato di intuizione è presente specialmente nell’opera di pensatori interessati alla problematica religiosa. Plotino, s. Agostino e i mistici medievali indicano nell’intuizione l’unica via per l’uomo di entrare in…