I primi marxisti


Durante la Prima Internazionale i sostenitori di Marx erano definiti polemicamente marxisti dai loro avversari. Fu Engels a fornire una prima sistematizzazione del marxismo, con il saggio Anti-Dühring (1878) e la pubblicazione del secondo e del terzo volume de Il Capitale (1867-79). Il marxismo, affermatosi nel socialismo tedesco e nell’Internazionale, penetrò nella cultura europea, sviluppato da intellettuali come K. Kautsky, G.V. Plechanov, A. Labriola, M. Adler (1873-1937). Nel contesto della Seconda Internazionale E. Bernstein (I presupposti del socialismo e i compiti della socialdemocrazia, 1899) attaccò l’ortodossia marxista, auspicando una declinazione del marxismo in senso riformista. Contro i cd. revisionisti si schierarono Kautsky (punto di riferimento dell’elaborazione politico-strategica ispirata al marxismo) e R. Luxemburg.

La fine dell’ortodossia marxista


L’inizio del 20° sec. vide la disgregazione del marxismo della Seconda Internazionale e l’emergere di nuove correnti: dopo la rivoluzione russa del 1905, si consolidò la sinistra marxista radicale animata da Luxemburg e da V.I. Lenin; negli stessi anni la socialdemocrazia russa si divise (1902) nelle correnti bolscevica e menscevica, in polemica sul ruolo della classe operaia nell’imminente processo rivoluzionario; contemporaneamente si diffusero le tesi del francese G. Sorel (Riflessioni sulla violenza, 1908), teorico del sindacalismo rivoluzionario.

Tra Marx e Stalin


La crisi del marxismo si aggravò con la Prima guerra mondiale, in seguito al voto dei socialdemocratici tedeschi a favore dei crediti di guerra (che determinò il radicalizzarsi della polemica tra riformisti e rivoluzionari) e si compì con la rivoluzione bolscevica (1917); negli anni successivi si affermò il marxismo di Lenin, grazie alla fondazione della Terza Internazionale (1919) e dei partiti comunisti. Negli anni Trenta si cristallizzò nell’urss il cd. marxismo-leninismo, che assurse a ideologia ufficiale del partito. Nel resto d’Europa la riflessione critica sul marxismo fu condotta da intellettuali come l’ungherese G. Lukács, il tedesco K. Korsch, l’italiano A. Gramsci, e dagli esponenti del cd. austromarxismo (Adler, R. Hilferding, O. Bauer).
Similari
Il marxismo teorico
656% Marxismo
Il materialismo dialettico Il marxismo teorico del XX secolo è prevalentemente, sebbene non esclusivamente, ‘materialismo dialettico’. È materialismo dialettico l’ideologia dei…
Il Marxismo
559% Marxismo
Il marxismo nasce, negli scritti di Marx e di Engels degli anni quaranta dell’Ottocento, sotto forma di una scienza della società che intende fornire un’interpretaz…
Significato del termine comunismo
463% Comunismo
Il termine comunismo ha un duplice significato: per un verso designa un progetto di riorganizzazione radicale della società, fondato sull’abolizione della proprietà privata e sulla sua sostituzione con la proprietà collett…
L’idea del socialismo
281% Socialismo
Anche se sarebbe più corretto parlare di ‘socialismi’ (più che di ‘socialismo’) per la varietà e l’evoluzione, nel XIX e nel XX secolo, delle dottrine e delle prati…
Appunti sul socialismo
177% Socialismo
Con ‛socialismo’ ci si riferisce oggi, in genere, a due fenomeni diversi. In primo luogo, il termine caratterizza un ordinamento sociale in cui i mezzi di produzione es…