In senso assoluto (come trad. del gr. ἡδονή e del lat. voluptas), viene contrapposto a dolore e variamente considerato nelle diverse scuole filosofiche, in rapporto all’ideale supremo della vita. La considerazione filosofica della natura del piacere è oggetto di discussione vivacissima già nell’età socratica, in cui costituisce il tema fondamentale dell’antitesi fra etica cinica, che considera il piacere come il massimo nemico in quanto induce l’animo a schiavitù, e l’etica cirenaica, per la quale il piacere è il movente fondamentale dell’azione. Tra queste due estreme valutazioni il platonismo e l’aristotelismo assumono una posizione più o meno intermedia. Platone, accortosi che il motivo socratico della necessaria attraenza (cioè piacevolezza) del bene finisce per far coincidere il bene con il piacevole, giunge nel Gorgia a una prima svalutazione assoluta del piacere e quindi alla teoria (Fedone) della necessaria liberazione dell’anima dalla corporeità del piacere. Più tardi (Filebo) Platone tende piuttosto a considerare come ideale supremo la vita in cui la determinatezza della ragione compenetri e domini, non escluda l’illimitatezza del piacere; Aristotele poi considera il piacere come un’integrazione dell’attività umana, influendo così sullo stoicismo, che, pur continuando la tradizione cinica, ammette una giustificazione del piacere. L’epicureismo, respingendo l’attivismo edonistico dei cirenaici, preferisce al «piacere in movimento» il «piacere stabile», concepito come apatica assenza di dolore: è questa la «teoria negativa» del piacere, già enunciata da Socrate nel Fedone , e che poi ha trovato formulazione moderna nel Discorso sull’indole del piacere e del dolore di Verri. Nel Medioevo, la tendenza ascetica e la rinuncia ai beni terreni conducono a una svalutazione del piacere, che ritroverà tuttavia la sua edonistica rivalutazione nell’Umanesimo e nel Rinascimento. Nel pensiero moderno, il problema particolare del piacere si fonde in genere con quello più vasto della giustificazione pratica e morale dell’azione, nonché del posto che il movente edonistico o eudemonistico debba avere, o meno, in essa (anche edonismo).

    — &nbspDizionario di Filosofia (2009)

Similari
Discorso e verità
231% Foucault, Michel
Chi è colui che può «dire la verità»? E quali rischi corre costui? Quanto gli può costare il suo «parlar chiaro»? E ancora: qual è il rapporto tra la verità e il potere? Deve coincidere, il dire la verità, con l’esercizio…
L’utilitarismo
85% Utilitarismo
John Stuart Mill diceva che “in uno dei romanzi di Galt, Gli annali della parrocchia, […] il membro della Chiesa scozzese di cui il libro costituisce un’immaginaria autobiogra…
Il Piacere
80% Piacere
La considerazione filosofica della natura del piacere è oggetto di discussione vivacissima già nell’età socratica, in cui costituisce il tema fondamentale dell’antitesi fra etica cinica, che considera il piacere come il ma…
Vita di Platone
68% Platóne
Era di famiglia agiata e nobile; la tradizione racconta che gli era stato inizialmente imposto il nome del nonno, Aristocle, e che quello di Πλάτων gli fu dato più tardi con scherzosa allusione al suo esser πλατύς “largo”.…
Percorso della filosofia
64% Filosofia
Determinare con rigore il significato, i compiti, i campi di indagine, o addirittura le probabilità di sopravvivenza della filosofia in questo secolo, è particolarmente arduo, …