Skip to main content

Bio di Leonardo Sinisgalli

Leonardo Sinisgalli nacque il 9 marzo 1908 a Montemurro, in provincia di Potenza, da Vito e Carmela Lacorazza. La sua casa natale si trova a strapiombo sul fosso di Libritti, una intricata boscaglia che fu anche rifugio di briganti, luogo a cui il poeta rimase sempre legato. Sinisgalli aveva quattro sorelle e un fratello, Vincenzo (1925-1998), giornalista e scrittore, collaboratore di varie riviste (tra cui Il Mondo di Pannunzio) ⋯

L’omicidio di Rossa

La denuncia di Rossa contro un brigatista infiltrato è la prima che avviene dalla loro formazione e rischia di costituire un pericoloso precedente per cui le BR decidono di reagire.
La prima ipotesi è quella di catturarlo e lasciarlo incatenato ai cancelli della fabbrica, con appeso un cartello infamante, in una sorta di gogna intimidatrice. Tuttavia questa ipotesi di azione viene scartata venendo giudicata irrealizzabile; ne viene così decisa ⋯

Sorvegliare e punire

Si imprigiona chi ruba, si imprigiona chi violenta, si imprigiona anche chi uccide.
Da dove viene questa strana pratica, e la singolare pretesa di rinchiudere per correggere, avanzata dai codici moderni?
Forse una vecchia eredità delle segrete medievali? Una nuova tecnologia, piuttosto: la messa a punto, tra il Sedicesimo e il Diciannovesimo secolo, di tutto un insieme di procedure per incasellare, controllare, misurare, addestrare gli individui, per renderti docili ⋯

Emilio Lussu

È stato un grande testimone del ‘900, fondatore del Partito Sardo d’Azione e antifascista irremovibile. Pagò con la prigione le sue idee, ma riuscì a fuggire e dileguarsi a Parigi insieme ad altri emigrati politici italiani come Carlo Rosselli, con il quale diede vita al movimento di “Giustizia e Libertà”. Fu nella capitale francese che conobbe la donna della sua vita, la poetessa Joyce Salvadori, con la quale condivise ⋯

Anarchia non è acrazia

L’anarchia è sempre acratica, ma l’acrazia non sempre è anarchica, per cui tra anarchia ed acrazia non vi è coincidenza. Il termine acrazia viene talvolta utilizzato come sinonimo di anarchia: altro errore. Acrazia significa letteralmente «senza governo». L’acrazia, dunque, presuppone, come l’anarchia, l’assenza di un Potere dominante, ma non necessariamente presuppone l’assenza di forme gerarchiche nella società. ⋯
 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi